Il servizio di fornitura di acqua ad uso industriale è uno dei principali erogati dal Consorzio ASI a supporto delle aziende insediate nel territorio di Brindisi. Lo sbarramento, il cui progetto risale al 1970, ultimato nel 1980 grazie ai fondi della Cassa del Mezzogiorno, gode di un sistema di sicurezza dei lavoratori e degli addetti BS OHSAS 18001 certificato  da DNV.

diga_cillarese3Il comprensorio consortile del Cillarese è costituito dall’invaso artificiale, realizzato mediante la costruzione di uno sbarramento in terra (Diga del Cillarese), e dagli impianti di trattamento dell’acqua invasata.

L’invaso raccoglie gli apporti idrici di natura prevalentemente meteorica mediante un bacino imbrifero che ha una estensione pari a circa 155 Kmq e che si sviluppa anche fuori del territorio comunale di Brindisi, prevalentemente in agro di Mesagne e Latiano.

Il bacino imbrifero è solcato, oltre che dal canale Cillarese vero e proprio, da alcuni suoi affluenti, il più importante dei quali è il canale Galina, che più a monte prende il nome di Capece.

La diga di sbarramento sul canale Cillarese è ubicata poco a monte della tangenziale della città, a circa 1,4 Km dalla foce nel Seno di Ponente del Porto di Brindisi.

diga_cillarese2Lo sbarramento è stato realizzato in materiali sciolti ed è costituito da un nucleo centrale di tenuta e due rinfianchi permeabili. Il livello idrico di ritenuta normale è di metri 17,00 sul livello medio del mare: ed esso corrisponde un volume utile di 4.000.000 di metri cubi.

Oltre all’invaso ed alla diga di sbarramento, sono stati già ultimati e collaudati gli impianti di chiarificazione delle acque e le condotte adduttrici alla zona industriale. Detti impianti funzionano attualmente in regime sperimentale erogando una portata di oltre 9.000 mc giornalieri. Nelle attuali condizioni di esercizio, gli impianti e la capacità dell’invaso soddisfano completamente le esigenze idriche della zona industriale, fornendo oltre 2.500.000 di metri cubi di acqua annui.

La potenzialità degli impianti permette di erogare una portata continua di 2.200 mc/h, per una disponibilità complessiva annua per l’utenza pari a circa 6.000.000 mc annui.

Il Consorzio ha tra gli obiettivi primari quello di condurre, in tempi relativamente brevi, gli impianti del Cillarese al pieno utilizzo, per migliorare le sue prestazioni e consentire il massimo risparmio di una risorsa pregiata quale quella costituita dall’acqua potabile.